Ciaspolare tra nevere e alpeggi, nel cuore verde del Mendrisiotto in Canton Ticino

Amo ciaspolare ma purtroppo negli ultimi anni le mie fedeli racchette da neve sono rimaste troppo spesso al chiodo. Un po’ perché il manto bianco si faceva attendere, un po’ perché non era abbastanza sicuro. Quest’inverno è diverso, di neve ce n’è anche appena sopra casa!
Non mi stancherò mai di ripeterlo, come tutte le attività che si praticano in ambiente montano, anche ciaspolare può essere decisamente pericoloso per cui verificate sempre le condizioni meteo e il bollettino valanghe prima di pianificare una gita.
Il percorso del quale vi voglio parlare, è una variante ben più semplice e sicura rispetto a quello che in genere compio in mountain bike e che potete trovare qui.
Si parte da Muggio nell’omonima Valle e, dopo aver attraversato il ben conservato nucleo, si continua in direzione dell’Alpe Bolla seguendo la strada che porta oltre le vasche. La vista sull’ Oratorio di S. Giovanni Battista da Tür, nell’altro versante della Valle, è sempre affascinante.
Sapete cosa mi fa davvero impazzire tanto da non riuscire a evitare di fotografarlo? Ve lo dirò con uno scatto diverso dove manca la chiesa, ma quei delicati e sinuosi terrazzamenti no 🙂

Ciaspolare_Mendrisiotto_Canton Ticino

Sono perfetti, non trovate? Persino la strada sembra accarezzarne la forma…mi auguro davvero che questo piccolo angolo venga preservato e difeso, ormai un unicum da queste parti purtroppo.
La salita continua su fondo asfaltato, può essere una buona soluzione anche per l’avvicinamento all’Alta via dei Monti Lariani che conduce verso il Bisbino.
Le case pian piano spariscono lasciando spazio al panorama che inizia ad aprirsi, la salita è piuttosto lunga ma con pendenza costante mai troppo ripida ci porta velocemente all’Alpe Bolla. L’asfalto nel frattempo ci ha abbandonati a pro di uno sterrato che inizia a costringere i nostri passi sulla neve, evviva!
Anche qui troviamo una nevera, il frigorifero di un tempo. Se vi va di scoprirne di più potete approfondire leggendo l’articolo sulle nevere del Monte Generoso.

Ciaspolare_Mendrisiotto_Canton Ticino

Sorrido osservando lo scintillio della neve al sole, mi fa sempre pensare ad una pioggia di brillantini, quelli che usano i bambini a carnevale. Ed è proprio in quel momento che mi appare l’altalena sull’albero, che spettacolo.

Ciaspolare_Mendrisiotto_Canton Ticino

Ormai è tutto bianco intorno a noi, la giornata è perfetta, il cielo limpido ha le nuvole al posto giusto per impreziosire le foto.
Passato il Passo del Bonello raggiungiamo la vecchia dogana.

Ciaspolare_Mendrisiotto

Invece di puntare dritti verso il Sasso Gordona, prendiamo a destra il traverso che porta verso il Dosso d’Arla e Cabbio. Percorrerete più strada ma è meno faticosa e più panoramica, ne vale la pena, che ne dite?

Ciaspolare_Mendrisiotto_Canton Ticino

A questo punto non resta che salire e tenere la destra, da qui in poi la mia attenzione è catalizzata dal Sasso Gordona o il Cervino del Mendrisiotto come piace chiamarlo a me.

Ciaspolare_Mendrisiotto_Canton Ticino

Wow! Mi piace un sacco venirci d’estate ma devo dire che anche in veste invernale non scherza proprio per niente…ogni tanto mi diverte vedere foto di me, aiuta a ricordare di fare caso ai momenti felici e anche a notare come un piumino rosa possa risaltare così tanto immerso in un ambiente innevato.

Ciaspolare_Mendrisiotto_Canton Ticino

Ormai ci siamo, l’idea è quella di raggiungere il Rifugio Prabello e chiudere l’anello passando per la faggeta che ci porterà di nuovo verso la dogana vecchia.

Ciaspolare_Mendrisiotto_Canton Ticino

Da qui ci riportiamo al Passo del Bonello e rientriamo a Muggio per la stessa strada dell’andata. A me piacciono i giri ad anello ma la neve e il ghiaccio sono insidiosi per ciaspolare, questa volta colgo l’occasione di apprezzare gli stessi panorami con colori diversi.
L’escursione è lunga circa 14,5 km e presenta un dislivello di poco più di 800 metri, parte del quale può essere affrontato senza ciaspole ai piedi.

Ti piace? Seguimi e condividilo 🙂

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *