Matterhorn Glacier Trail: sul Cervino a caccia del ghiacciaio che non c’è più

Matterhorn Glacier Trail: sul Cervino a caccia del ghiacciaio che non c’è più

Il Matterhorn Glacier Trail, ovvero il sentiero del ghiacciaio del Cervino, si trova a Zermatt, nello splendido Canton Vallese che conta ben 51 vette sopra i 4000 metri e ospita due terzi dei ghiacciai svizzeri. Giusto per capirci, un terzo dei ghiacciai delle Alpi sono concentrati lì. Il Vallese gioca facile direte voi, con il ghiacciaio dell’Aletsch che, oltre ad essere patrimonio UNESCO, è anche il ghiacciaio più grande d’Europa! Percorrere il Matterhorn Glacier Trail mi ha in qualche modo cambiata, ho avuto bisogno di parecchio tempo per elaborare le emozioni, i pensieri…continue reading →
Il Sentiero delle Espressioni, il bosco prende forma in Valle d’Intelvi

Il Sentiero delle Espressioni, il bosco prende forma in Valle d’Intelvi

Il Sentiero delle Espressioni prende forma nel 2014 ma evolve continuamente grazie alla creatività degli artisti coinvolti. E così il bosco si popola di creature fantastiche o meno che accompagnano il visitatore in un magico cammino tra arte e natura. Si tratta di un progetto che coniuga territorio, arte e turismo coinvolgendo l’ERSAF, il Comune di Schignano e l’Associazione M.A.SCH.E.R.A che ogni anno anima il famoso Carnevale di Schignano con le tradizionali maschere. Non è un caso insomma che questo bel sentiero abbia trovato casa in Valle d’Intelvi, una perla incastonata tra il…continue reading →
1100 gradini nel blu, la scalinata di Monesteroli!

1100 gradini nel blu, la scalinata di Monesteroli!

La scalinata di Monesteroli, quante volte l’avete vista sui social e vi ha fatto venire voglia di mare con i suoi gradini in pietra che sembrano precipitare nel blu intenso del mar ligure? E’ stata costruita in pietra arenaria locale, 1100 scalini che compongono la cosiddetta Scalinata Grande sono stati posati a mano, a secco, dai viticoltori delle cinque terre che vinificavano le uve raccolte da questi vigneti eroici baciati dal sole, a strapiombo sul mare. Immaginate cosa possa voler dire percorrere un dislivello di 415 metri poggiando i piedi su scalini irregolari…continue reading →
Le tre cime più panoramiche (e facili) sul Lago di Como

Le tre cime più panoramiche (e facili) sul Lago di Como

Gli autori latini designano il lago di Como con il termine latino Larius, a partire dal Medioevo venne chiamato anche lacus commacinus, comacenus o comensis fino al definitivo lago di Como. È il lago più profondo d'Italia e quello con maggiore estensione perimetrale con i suoi 170 km. Presenta una geometria particolare ad “Y” rovesciata o, come recita un diffuso detto locale, a forma di uomo: «Il lago di Como ha la forma di un uomo, una gamba a Lecco e quell'altra a Como, il naso a Domaso e il sedere a Bellagio.»…continue reading →
Sulla vetta del Monte Generoso seguendo antiche vie di pietra.

Sulla vetta del Monte Generoso seguendo antiche vie di pietra.

Il Monte Generoso, forse la più conosciuta tra le cime del Canton Ticino, non è solo un luogo ideale dove scattare panoramiche a 360° nelle giornate limpide ma è anche un prezioso scrigno di testimonianze...di pietra. Oggi vi porto fin sulla cima del Monte Generoso partendo dalla Valle di Muggio; da Scudellate per la precisione. Il sentiero può essere percorso da chiunque abbia un minimo di abitudine alla montagna, l'escursione ha un dislivello di 800 metri ed impiegherete circa 4 ore per chiudere l'anello. Usando la cremagliera da Capolago e partendo dalla stazione…continue reading →
Un vino unico, frutto di un antichissimo metodo di appassimento dell’uva: i picai

Un vino unico, frutto di un antichissimo metodo di appassimento dell’uva: i picai

Avete mai visto i picai? Beh con picai (“appesi”, nel dialetto locale) si intende un’antichissima forma di appassimento delle uve che consiste nell’appendere grappoli di garganega (l’uva bianca autoctona di quest’area del Veneto) intrecciandoli ad una cordicella di canapa (la gavetta) fissata alle travi del soffitto di un granaio. In questo modo si ottengono tutta una serie di risultati ovvero: la protezione dell'uva dai topi e dall'umidità oltre ad un buon arieggiamento che ne consente l'appassimento. Questa tecnica, usata soprattutto nell'area compresa tra Verona e Vicenza, veniva generalmente portata a termine dalle donne…continue reading →
L’altopiano della Greina, la tundra ticinese.

L’altopiano della Greina, la tundra ticinese.

La Greina, non ne avevo mai sentito parlare fino alla scorsa settimana quando si è svolta la prima edizione del Greina Trail (alla quale parteciperò sicuramente il prossimo anno!). L'altopiano della Greina si estende tra il Canton Ticino e il Canton Grigioni, sei chilometri di lunghezza per uno di larghezza a quota 2.300mt...un vero concentrato di biotopi! La Greina è una regione protetta ed è inserita nell'Inventario federale dei paesaggi, dei luoghi e dei monumenti naturali d'importanza nazionale. Il Reno di Somvix che scende verso il Mare del Nord, il Rio di Motterascio…continue reading →
Sospesi sulla via ferrata più antica della Svizzera: la Pinut

Sospesi sulla via ferrata più antica della Svizzera: la Pinut

Davvero esagerato il fascino esercitato da questa via ferrata, vuoi per via dell'età, vuoi perché sita nella parte meridionale del Patrimonio Unesco di Sardona, vuoi perché vicinissima al lago di Cauma conosciuto come i Caraibi delle Alpi e al Gran Canyon della Svizzera...insomma, davvero non poteva mancare nel mio carnet di vie ferrate! Le prime tracce scritte della via ferrata Pinut risalgono al 1739 ma solo nel 1907 prenderà la forma attuale. Quella che percorriamo oggi è una via ferrata ristrutturata nel 2007 assolutamente sicura e decisamente indicata anche per i ragazzi dai…continue reading →
Erbe spontanee, dal bosco alla tavola!

Erbe spontanee, dal bosco alla tavola!

La natura, uno spettacolo che si rinnova senza sosta e ci dona sempre quello di cui abbiamo bisogno. La stagionalità dei suoi frutti è pensata proprio per rispondere alle necessità di chi la “abita”, questo vale naturalmente anche per le erbe spontanee. Non so come mai ma bacche, fiori ed erbe spontanee mi hanno sempre attratta moltissimo...la mia non è tanto una curiosità scientifica, botanica quanto piuttosto la ricerca di una visione di insieme al fine di capire come gli elementi si fondano per creare questa macchina meravigliosa che è appunto la natura.…continue reading →
Vigneti eroici, che passione!

Vigneti eroici, che passione!

Che camminare in mezzo ai filari fosse uno dei miei passatempi preferiti è sicuramente noto...ma che avessi un debole così marcato per i vigneti eroici, questo forse potreste non averlo ancora colto ;-) Cosa sono i vigneti eroici? Vigneti nascosti, difficili da raggiungere e di conseguenza molto faticosi da lavorare e mantenere. Per esistere hanno bisogno di viticoltori eroici, dotati di quel pizzico di sana pazzia, che strappino appezzamenti di terra alle rocce, alla montagna. Va da sé che quindi, dal punto di vista paesaggistico, siano delle vere e proprie perle rare che…continue reading →
Sui sentieri del contrabbando: la scala di ronda

Sui sentieri del contrabbando: la scala di ronda

Continuo a subire il fascino delle terre di confine e ho voluto indagare ancora la storia del contrabbando tra Italia e Svizzera percorrendo un sentiero proprio vicino a casa! Avevo parlato di contrabbando anche qui, ricordi? Ne avevo sentito parlare ma era così vicino che ogni occasione era buona per farlo attendere. Io sono partita da Roggiana, la dogana pedonale che percorro sempre quando dal Ticino mi dirigo verso il Bisbino in bicicletta ma ci sono altri due accessi. Si prende la scaletta proprio vicino alla sbarra di confine, si costeggia una proprietà…continue reading →
San Bernardino, una montagna di tranquillità.

San Bernardino, una montagna di tranquillità.

E' domenica, morite dalla voglia di andare in montagna e scappare dal grigiore e dalla nebbia ma vi siete svegliati davvero tardi (come è capitato a me ;-))? Oppure avete dei bambini vivaci e vi riesce difficile gestirli sulla neve? Non che San Bernardino sia adatto solo a questo, ma sicuramente se quello che cercate è un luogo tranquillo dove passeggiare al sole, sciare e far divertire i vostri bambini...siete nel posto giusto! Ad un'ora da Lugano, in Canton Grigioni, dopo aver risalito l' omonimo passo, ad una quota di 1626m/s.l.m, arriverete proprio…continue reading →
Con le ciaspole a Capanna Gorda in Valle di Blenio, il balcone sulla vetta più alta del Ticino: l’Adula

Con le ciaspole a Capanna Gorda in Valle di Blenio, il balcone sulla vetta più alta del Ticino: l’Adula

Una escursione con le ciaspole adatta a tutti, sicura e decisamente panoramica nella Valle del Sole, la Val di Blenio in Canton Ticino. Le copiose nevicate delle ultime settimane unite alle temperature davvero elevate di queste giornate rendono l'ambiente innevato piuttosto pericoloso con un marcato rischio valanghe. Ci sono tuttavia delle aree e dei percorsi per le ciaspole che rimangono comunque sicuri nonostante tutto, uno di questi è proprio in Valle di Blenio e conduce alla Capanna Gorda, di fronte alla maestosa cima dell'Adula. E' possibile partire da vari punti ma l'opzione più…continue reading →
Il contrabbando: testimonianze, musei e percorsi tra Canton Ticino e Lombardia

Il contrabbando: testimonianze, musei e percorsi tra Canton Ticino e Lombardia

Alzi la mano chi non si è mai divertito a saltare di fronte ad un ceppo di confine da uno stato all'altro! A me piacciono da morire le terre di confine, terre di contrasti, di contraddizioni ma anche di scambi, di confronti, di crescita. Uno dei fenomeni più interessanti di queste aree è sicuramente il contrabbando! Il contrabbando ha una storia antica quanto la legge sui dazi doganali. Il contrabannum era il reato commesso da chi importava o esportava merci, eludendo le disposizioni legali sul pagamento dei tributi. Il termine veneziano contrabannum si…continue reading →
Malcantone…da cosa deriverà un nome così?

Malcantone…da cosa deriverà un nome così?

Quante volte mi sono chiesta l'origine del nome Malcantone...come fa un luogo così bello, dai “contorni” così dolci ad avere un nome che in lingua italiana suona così male? Ieri mi trovavo ancora una volta immersa tra i suoi boschi e ho deciso di cercare una risposta a questa domanda una volta per tutte. Il Museo del Malcantone mi è venuto in aiuto, vi consiglio di includerlo come tappa durante la vostra visita in zona! L'origine del nome è incerta, si presume però che che il termine derivi dal latino “Malus Angulus”, espressione…continue reading →
Indemini, la fortezza del Gambarogno in Canton Ticino.

Indemini, la fortezza del Gambarogno in Canton Ticino.

“L’intelligenza della mano dei muratori di Indemini si manifesta negli spigoli arrotondati delle case, nel selciato dei viottoli, nell’arte dei legamenti dei tetti, nella bellezza dei muri che si piegano dolcemente ad angolo smussato e che segnano i viottoli creando volumi e prospettive di notevole bellezza.” Trovo che questa descrizione di Virgilio Gilardoni, uno dei maggiori storici dell’arte ticinesi, possa rendere bene l'idea di cosa sia effettivamente Indemini! Situato a 930 metri di altitudine, collegato con il resto del Gambarogno da una strada carrozzabile solo dal 1917, il villaggio di Indemini ha conservato…continue reading →
Alpe Vicania in mountain bike: una gioia per gli occhi, lo spirito e il corpo!

Alpe Vicania in mountain bike: una gioia per gli occhi, lo spirito e il corpo!

L'Alpe Vicania si trova sopra Lugano in Canton Ticino ed è una meta adatta a tutti gli appassionati di mountain bike....vi spiego perché! Vi è mai capitato di avere poco tempo e voler a tutti i costi fare più cose difficilmente conciliabili tra loro tipo: raccogliere castagne e funghi ma anche pranzare al grotto e fare un bel giro in mountain bike il tutto condito da un po' di sana cultura? A me capita molto spesso ;-) Ebbene qui potrete fare tutto ciò in giornata e tornarvene a casa felici con tanto di…continue reading →
Il castagno e il suo legame con il Canton Ticino. Consigli per andare a castagne!

Il castagno e il suo legame con il Canton Ticino. Consigli per andare a castagne!

Nell'aria il profumo del mosto, nei boschi i ricci, numerosissimi quest'anno, delle castagne. Il Canton Ticino durante queste prime giornate di questo autunno ci fa davvero ben sperare! Il legame tra questo territorio e il castagno è davvero molto stretto e importante. Il castagno, introdotto dai romani circa 2000 anni fa, è la specie arborea che più di tutte ha assicurato in Europa una produzione differenziata e di vitale importanza, tanto da meritare l’appellativo di «albero del pane». La castagna era infatti l’alimento per almeno 6 mesi all’anno. L’importanza vitale che questa specie…continue reading →
Val Colla: il regno degli animali nel terrazzo erboso di Lugano

Val Colla: il regno degli animali nel terrazzo erboso di Lugano

Da anni mi promettevo di andare in Val Colla ma per un motivo o per l'altro rimandavo sempre questa gita...che da un'escursione a piedi si è trasformata in una in mountain bike permettendomi così di esplorarla quasi tutta! La Val Colla presenta oltre venti chilometri di cresta e di cime congiunte, che partendo da Gola di Lago e attraversando il Motto della Croce, Caval Drossa, Monte Bar, Gazzirola, Cima di Fojorina, Denti della Vecchia, Monte Boglia arrivano fino alle sponde del Ceresio. La vetta del Gazzirola, con i suoi 2.116 metri, è il…continue reading →
In Vallemaggia a caccia di antichi grotti!

In Vallemaggia a caccia di antichi grotti!

Estate, ora di pranzo, percorrevo la tranquilla pista ciclabile lungo la Maggia in direzione di Cevio dove stavolta mi sarei finalmente fermata, complice il ritmo lento della bici. Troppe le volte in cui avrei voluto farlo, ma il tempo è tiranno si sa e la Val Bavona o l'Alta Vallemaggia l'avevano sempre avuta vinta. E' iniziato tutto da un grotto eccezionale dove abbiamo deciso di fermarci a mangiare: il grotto Franci. I tavoli di granito tra i massi, la cucina dentro ad una caverna e a dominare la scena: il bosco. Non avevo…continue reading →
Un giro alla corte reale di Obino!

Un giro alla corte reale di Obino!

Il nostro giro parte da Obino, incantevole frazione di Castel San Pietro in Canton Ticino, ed è uno di quei percorsi da tenere in considerazione quando fa caldo perchè si sviluppa quasi tutto in mezzo al bosco. Obino era una corte reale, ve ne renderete conto subito semplicemente osservando gli edifici...ma cos'era una corte reale? Secondo gli studiosi, era un ampio podere con case, chiese e castelli; il contado era un esteso territorio che abbracciava varie corti e paesi con una città o borgata al governo dei quali era delegato un conte. Varie…continue reading →
Le trincee del Sasso Gordona in Valle di Muggio

Le trincee del Sasso Gordona in Valle di Muggio

Della Frontiera Nord vi ho già parlato in questo articolo sulle trincee del Monte Orsa, oggi andiamo a scoprirne un altro pezzo sul Sasso Gordona. E' una di quelle cime che un'appassionata di montagna come me non poteva non voler salire, una di quelle cime che invogliano per la forma e la particolarità che la rendono avulsa dal resto. Un blocco di roccia a forma di piramide sopra il verde della Valle...irresistibile! Facciamo un rapido riassunto storico. La regione del Mendrisiotto fu poco interessata dalla costruzione di fortificazioni da parte della Svizzera che…continue reading →
L’intimo legame tra la storia del “Saurolo” e quella dei fossili del Monte San Giorgio

L’intimo legame tra la storia del “Saurolo” e quella dei fossili del Monte San Giorgio

Quello che tutti sanno è che il Monte San Giorgio (il mio belvedere preferito) è da annoverare tra i più importanti giacimenti fossiliferi al mondo. Non a caso è tra i siti UNESCO dal 2003, versante svizzero, e 2010 versante italiano. Quello che non tutti sanno però, è che la storia dei fossili inizia con quella del “Saurolo”, un olio prodotto mediante distillazione dell'argilla bituminosa estratta dalle miniere sopra Besano e presso Serpiano, utilizzato per preparare un unguento particolarmente efficace in caso di lesioni cutanee. La ricerca di questo scisto bituminoso nelle Dolomie…continue reading →
Un tuffo dove l’acqua è più blu, nella Breggia!

Un tuffo dove l’acqua è più blu, nella Breggia!

In chi ama viaggiare c'è sempre una sorta di “urgenza” interiore che spinge a volte più, a volte meno, verso il nuovo. Non deve per forza trattarsi di qualcosa di lontano, basta che sia da noi ancora inesplorato. Amo muovermi a piedi, in bicicletta, in canoa, con i rollerblade, col parapendio...insomma con quasi qualsiasi mezzo vada in acqua, terra o aria senza motore e tendo ad esplorare moltissimo tutto ciò che di bello ho vicino a casa. Quando sono arrivata in Canton Ticino, ho percorso a piedi tutti i sentieri del Parco delle…continue reading →
Linea Cadorna a cavallo tra Svizzera e Italia

Linea Cadorna a cavallo tra Svizzera e Italia

La frontiera Nord, popolarmente nota come Linea Cadorna, è il sistema ideato a partire dal 1872 per proteggere il territorio italiano da un ipotetico attacco d'oltralpe, portato attraverso la neutrale Svizzera. Per mancanza di risorse, la viabilità e le fortificazioni maggiori non furono iniziate se non con l'inizio del Novecento, mentre il grosso dei manufatti fu messo in cantiere soltanto nel corso della prima Guerra Mondiale più per scopi di carattere sociale (dare lavoro alle masse) che non per reali esigenze belliche. Buona parte di questo sistema (parliamo di circa 72 km di…continue reading →