Bretagna: una delizia per gli occhi e per la gola (PARTE 1°)

“E’ splendida la Bretagna e poi non è lontana dalla Francia.” (Coluche)
Io amo i posti spigolosi, con forti personalità e selvaggi, ne subisco il fascino anche senza conoscerli.
In Bretagna volevo andare da moltissimo tempo ma avevo quel timore che si ha quando siamo consapevoli di avere delle aspettative talmente elevate che anche un dettaglio storto seppur insignificante potrebbe rovinarne l’immagine per sempre. L’avevo idealizzata insomma e sono felicissima che sia non solo stata all’altezza delle mie già altissime aspettative, ma che le abbia addirittura superate.
Mi ha lasciato un segno così profondo che non so da dove partire per descriverla…così ho deciso di iniziare dalla gola raccontandovi ciò che berrete e mangerete se deciderete di visitare uno degli angoli più spettacolari della Francia (e d’Europa aggiungerei). Selvaggia, indipendente con giochi di luce indescrivibili e giornate e tramonti interminabili; se amate la natura è il posto che fa per voi.

bretagna da mangiare

Per il nostro tour gastronomico partiamo dal nord, dalla baia di Saint Malo, impressionante non solo per il vicino e arcinoto Mont San Michel ma anche per Cancale, la patria delle ostriche!
Qui potrete accomodarvi in uno dei tanti ristorantini a contemplare la marea e gustarvi un ottimo assiette de fruits de mer (ne parlerò nella seconda parte) magari abbinandolo ad una Britt Blanche, fresca birra di frumento artigianale bretone.
Prima però non fatevi assolutamente mancare un aperitivo a base di ostriche e vino. Dove? Semplice, al porto! Scegliete il pescatore che vi ispira più fiducia e acquistate un piatto di ostriche e limone, ve le preparerà a regola d’arte ad un prezzo davvero ridicolo (6 euro per 12 ostriche).

Poi fate un salto al wine truck dove una ragazza simpaticissima vi venderà vino, birra o sidro a seconda delle vostre preferenze.

Infine sceglietevi un posto che vi aggrada (avrete l’imbarazzo della scelta) e godetevi il vostro aperitivo vista mare 🙂

bretagna da mangiare

Fatto il pieno di ostriche dirigetevi verso Dinan, il suo nucleo medievale è conservato alla perfezione e si, vi sembrerà d’essere in Svizzera da quanto è pulita e ordinata.
Qui andiamo a fare visita alla Creperie Ahna giunta alla sua 4° generazione e recensita nella famosa guida Gault Millau, la pubblicazione annuale dedicata alla gastronomia francese.
Concediamoci una galette saucisse preparata in modo magistrale. E’ un piatto che troverete un po’ in tutta la Bretagna ma è tipica del nord e della capitale, Rennes. Come accade per tutti i piatti semplici, il segreto sta nelle materie prime e ho scelto di provarla lì proprio per l’artigianalità e la qualità dei componenti. La galette, a differenza della crêpe, è a base di farina di grano saraceno e per questo si presenta più scura, saporita e senza glutine.

galette saucisse

A questo punto vi potrebbe venire sete, fate una sosta a Morlaix al Bleizi Du e andate a trovare David che produce birre artigianali biologiche e vi guiderà volentieri anche alla scoperta di altri birrifici della regione. Io sono partita dalla IPA di Coreff e salametto d’anatra e ho concluso con una birra acida di David, entrambe davvero notevoli.

bretagna da mangiare

E le sardine dove le mettiamo?
Le sardine le troverete ovunque conservate in splendide lattine vintage, il regalo bretone perfetto! Ricordate però di imbarcarle se non volete lasciarle in aeroporto.
La lavorazione delle sardine è importantissima per la Bretagna, non perdete l’occasione di assaggiarle e visitare una delle aziende produttrici. Ve le consiglio per un salutare e semplice pranzo bretone.

bretagna da mangiare

A presto per il resto dei must gastronomici bretoni!

Ti piace? Seguimi e condividilo 🙂

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *